Sound Designer – Composer – Musician

Mostra: 11 - 15 of 15 RISULTATI

Galata Electroacoustic Orchestra (GEO) – Compasso da navegare

Al Porto Antico, 32 musicisti da Istanbul,Cagliari,Genova e Barcellona.

Venerdì 26 luglio, alle ore 21, in Piazza delle Feste, nell’ambito della rassegna “Porto Antico Estate Spettacolo”, il concerto “Compasso da navegare” della Galata Electroacoustic Orchestra (GEO).

Mauro Gaggero

Prendendo spunto dal portolano, la guida alla navigazione usata dai naviganti di tutto il mondo, già dal medioevo e mettendo assieme alla musica è possibile collegare le tradizioni di società diverse tra loro come quella turca e quella occidentale.

Un tentativo che la “GEO” realizzerà nel concerto di venerdì, a ingresso libero. Lo spettacolo proporrà delle reinterpretazioni della musica turca ad opera dei trentadue musicisti provenienti dagli Istituti di Studi Musicali Superiori di Genova, Istanbul, Barcellona, e Cagliari oltre ai ritmi dei tradizionali strumenti turchi, ba, lama, tar, ney, kemence, con quelli occidentali, arpa, clarinetto, sax, violoncello, chitarra e basso elettrico. assieme alle nuove tecnologie musicali.

Il concerto, realizzato nell’ambito del Intensive Programme Erasmus dal Conservatorio di Genova con il patrocinio del Comune di Genova ed il supporto di Regione Liguria, Porto Antico e Mu. MA., offrirà uno spettacolo ricco grazie alla collaborazione tra studenti e docenti provenienti dai diversi Paesi e da differenti discipline accademiche.

Un concerto realizzato da strumentisti, etnomusicologi, ingegneri e compositori elettroacustici, che hanno usufruito di percorsi di apprendimento e insegnamento specifici, sperimentando nuove didattiche.

Percorsi realizzabili, come sottolineato da Patrizia Conti, grazie alla cooperazione internazionale in ambito accademico ed offre a tutti i partecipanti l’opportunità di una reale integrazione fra le culture e tradizioni che devono in qualche modo imparare a dialogare. Quello di venerdì sarà un evento ad ingresso gratuito che metterà in risalto il particolare legame che storicamente unisce Genova con la Turchia. La GEO per il suo nome prende spunto da Galata, quartiere genovese di Istanbul.

Stampa:

http://genova.repubblica.it/cronaca/2013/07/23/news/galata_electroacustic_orchestra-63555192/

The GEO project – Galata Electroacoustic Orchestra

The GEO project (Galata Electroacoustic Orchestra) is inspired by the historical relations between Genova and Istanbul. The general objectives of GEO IP is: 1) to found the Galata Electroacoustic Orchestra, a small group orchestra based on an idea of live collective composition; 2) to merge of the Western Classical tradition of scorebased music and the Improvisational techniques, in particular of Turkish Maqam Music.

As the dialogue between the three Countries (Turkey, Spain and Italy) involved in the IP is an important objective for GEO, we adopted the sealing map (portolano) as a guide metaphor for the project (when a ship docks, the goods – in our case: the musical products – from one country are unloaded and goods from another country are loaded). The expected learning outcomes are related to the acquisition of skills and abilities in the following disciplinary areas: theoretic, ethnomusicological, technological, performing and compositional. The expected outputs of the GEO IP project are: – a concert by the Galata Electroacustic Orchestra at the end of the IP; – a permanent web portal website of the HEI coordinator, with audio and video recordings of the all IP activities (the documentation will be downloadable for free). This output will represent a didactic permanent heritage; – a documentary DVD on the IP experience with the most important selection of the above (lectures, workshops and laboratories; recording of final concert and backstage); – a booklet containing the general program of IP, detailed information on the partners, final report on the educational and artistic outcomes of the project, final evaluation of the project level and photo gallery. Galata Electroacoustic Orchestra is named by the Genoese quarter Galata in Istanbul dating back to the 12th Century where the Tower of Christ is still preserved. Almost all the aspects of the European Culture have been affected by the Arabian culture. In addition the European composers of the classical era (such as Mozart, Haydn, Beethoven) joined to the orchestra unusual instruments for that time (bass drum, triangle, cymbals) but typical of the Turkish military bands, of the Janissaries music. More in general, since the beginning of the 20th century the extra-European music and the traditional folk music become a true source of inspiration for Western composers, and more recently vice versa. Although many studies have been made on the reciprocal influences, the theory, practice and teaching on the true contact points between such different musical cultures are nowadays separately carried out among the different Countries. GEO aims to overcome this deficiency with a multidisciplinary didactical approach to the specific subject and to his current potential, thanks to the support by new technologies. The main aim is to create a “dialogue” among digital and traditional instruments and performance practices. Thanks to the recent improvements in the Computer Human Interfaces field, it is possible to overstep the gap between the high level of interaction in acoustic instruments and the limited interaction (mouse, alphanumeric keyboard, joysticks) in the digital domain. The main path to achieve this will be a study of the musicians gestures. According to our opinion the conceptual and technological tools of the Electroacoustic Music – a truly new musical language based on the idea “to compose THE sounds, not only WITH the sounds” – are fit for creating a contiguity and a linguistic penetration to let ideas and new experiences spring.

Link esterni:

https://galataeaorchestra.wordpress.com/abstracts/

https://sertansenturk.com/uploads/misc/geo_ip.pdf

https://www.upf.edu/web/mtg/news/-/asset_publisher/WM181VyAQipW/content/id/8742005/maximized#.WdYzHyOLS2w

 

 

Anarkick live at CONTEMPORARY – Festival di Musica e Arte d’Avanguardia | Prima Edizione (2013)

Organizzato da Roberto Follesa

CONTEMPORARY

La Sardegna sempre di più sta diventando un punto di riferimento della musica e arte d’avanguardia. Con il suo posizionamento al centro del mediterraneo assimila influenze mondane che si sviluppano e si caratterizzano in un percorso autentico e indipendente da meccanismi caratterizzanti tendenze che provengono da capoluoghi più riconosciuti ed autorevoli.

Il festival di musica e arte d’avanguardia “Contemporary”, non solo vuole mettere in mostra le ultime ricerche isolane ma vuole diventare un punto di riferimento e soprattutto scambio tra la Sardegna e il resto del mondo.

Questa prima edizione sarà caratterizzata da diverse performance e interventi.

Il festival inizierà alle 18 con un intervento:

una riflessione di Sebastiano Giacobello;

a seguire gli artisti si esibiranno proponendo le loro ultime ricerche musicali: Alessandro Olla e Paolo Sanna presenteranno in occasione il loro ultimo disco “Winter landscapes” per pianoforte preparato e percussioni; Dalila Kayros presenterà il suo nuovo disco “Nuhk”.

Altri artisti e gruppi come Fabrizio Casti e Enrico di Felice, Terminale Tre, Concrete Mirror, Aruta, Sandro Mungianu, AnarKick e Roberto Follesa presenteranno i loro ultimi progetti e tendenze improvvisative! Roberto Zanata e Marco Ferrazza saranno accompagnati nella loro performance da Gianni Atzeni con giochi di luci e colori.

Altri artisti presenteranno delle installazioni: le ricerche di Tellas, le composizioni oniriche di Federico Carta, il particolare in Claudia Matta, il riflessivo in Paolo Marchi, il sociale in Fabio Petretto e il luogo nascosto in Giovanni Melosu e Davide Cau.

Un piccolo centro a pochi minuti da Cagliari che convoglia un grande e raffinato movimento di ricerca filosofica, artistica e musicale.

titolo: CONTEMPORARY – Festival di Musica e Arte d’Avanguardia

artisti: Terminale Tre; Fabrizio Casti & Enrico di Felice; Concrete Mirror; Artura; Roberto Zanata, Marco Ferrazza & Gianni Atzeni; Alessandro Olla & Paolo Sanna; Sandro Mungianu; AnarKick; Dalila Kayros; Roberto Follesa; Tellas, Federico Carta; Claudia Matta; Paolo Marchi; Fabio Petretto; Giovanni Melosu & Davide Cau.

intervento: una riflessione di Sebastiano Giacobello

 

direttore artistico: Roberto Follesa

organizzatori: Roberto Follesa, Gruppo Direttivo del Centro, Comune di Donori, Sardinia Contemporary.

in collaborazione con: Spaziomusica e TiConZero.

sponsor: Azienda Agricola Marchi

Guarda la Galleria su Facebook

Evento Facebook

Anarkick – Progetto Elettroacustico

Il progetto Anarkick nasce nell’estate del 2012 dalla volontà dei membri (Matteo Leone, Diego Soddu, Walter Demuru, Francesco Medas) di elaborare uno stile improvvisativo in grado di abbracciare una grande varietá di possibilità timbriche e stilistiche.
L’esordio della formazione avviene durante la manifestazione 100 minuti per Cage (link: https://youtu.be/y_3yUiROnfQ)

Seguiranno altre performance e altri progetti tra i quali: registrazioni in studio e live (tra i quali ricordiamo quello al castello S.Michele a Cagliari https://www.youtube.com/watch?v=gZbFd2P1pgM), collaborazioni per esplorare sempre situazioni e timbriche differenti etc..

Il gruppo si arricchisce della collaborazione di Michele Pusceddu al live video e si proietta verso nuove esperienze compositive ed espressive.

Formazione:

Matteo Leone – Percussioni
Diego Soddu – Basso, Elettronica
Francesco Medas – Chitarre
Walter Demuru – Elettronica
Michele Pusceddu – Video